fbpx

Modello di Organizzazione,
Gestione e Controllo (M.O.G.)

Ai sensi dell’art. 6 del D.Lgs. 231/01

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO

Estratto della prima emissione – Anno 2022

Logo senza testo assicuratore facile

Parte Generale

Secondo quanto stabilito dall’art. 6, comma 3, del Decreto (e secondo le menzionate Linee Guida), la Parte Generale del Modello deve mirare a tre fondamentali finalità:

I) Individuazione delle Attività Aziendali nel cui ambito possano essere commessi i Reati: mappatura dei rischi.

L’art. 6, comma 2, lett. a) del Decreto richiede anzitutto che il Modello provveda alla cosiddetta mappatura dei rischi: è necessaria, pertanto, l’analisi della complessiva attività svolta da ASSICURATORE FACILE S.r.l. e l’individuazione delle fasi operative o decisionali che comportino il rischio di commissione dei Reati Presupposto.

Dati gli interventi legislativi che hanno portato ad una progressiva estensione dei Reati Presupposto, e dati anche i mutamenti che possono intervenire tanto sulla struttura societaria di ASSICURATORE FACILE S.r.l., quanto sulle attività dalla stessa svolte, la mappatura dei rischi non potrà mai dirsi definitiva e immodificabile, ma, al contrario, deve essere sottoposta ad una continua attività di controllo e revisione e deve essere allo stesso modo costantemente aggiornata.

ASSICURATORE FACILE S.r.l., con il supporto dell’Organismo di Vigilanza provvederà pertanto a revisionare e integrare, ove occorra, la mappatura dei rischi ogni qual volta ciò si renda necessario in ragione di ulteriori interventi legislativi, di modifiche dell’assetto societario di ASSICURATORE FACILE S.r.l., o anche solo in considerazione di modifiche delle circostanze e/o delle modalità con cui ASSICURATORE FACILE S.r.l. svolge la propria attività d’impresa.

II) Articolazione di un sistema di controllo preventivo.

Ai sensi dell’art. 6, comma 2 lett. b) del Decreto, una volta compiuta la mappatura dei rischi, occorre prevedere specifici protocolli diretti a programmare la formazione e l’attuazione delle decisioni dell’Ente nelle individuate aree di rischio.


A tal fine, nelle singole Parti Speciali del presente Modello sono indicate le specifiche misure definite (anche con rinvio a procedure interne espressamente precisate) in grado di prevenire o comunque ridurre fortemente il rischio di commissione dei reati.

In aggiunta a tali procedure, che hanno finalità preventiva, è espressamente riconosciuto all’Organismo di Vigilanza il potere/dovere di effettuare verifiche a posteriori su singole operazioni o singoli comportamenti aziendali.
Come la mappatura dei rischi, anche le procedure e i rimedi adottati non potranno mai dirsi definitivi: la loro efficacia e completezza devono, al contrario, essere oggetto di continua rivalutazione da parte dell’azienda e dell’Organismo di Vigilanza, che ha anche il compito precipuo di proporre all’Amministratore Unico i miglioramenti, le integrazioni e le modifiche che riterrà di volta in volta necessari.

III) Designazione dell’Organismo di Vigilanza.

Terza finalità della Parte Generale è l’individuazione di un Organismo di Vigilanza che provveda, in base al Decreto:

  • al controllo costante del rispetto delle prescrizioni del Modello, nonché delle specifiche disposizioni e delle procedure predisposte in attuazione dello stesso, da parte di tutti i Destinatari;
  • all’attività di valutazione costante e continuativa dell’adeguatezza della mappatura dei rischi e delle procedure descritte ai punti I) e II);
  • alla proposta all’Amministratore Unico di tutte le modifiche necessarie.

L’Organismo di Vigilanza è monocratico o collegiale, interno a ASSICURATORE FACILE S.r.l., ma del tutto autonomo e indipendente, come meglio precisato al punto 4 del presente Modello.

Torna su

Che tipo di agente di assicurazioni sei? Scoprilo subito con il nostro quiz gratuito.